IL LITIGIO NELLA COPPIA: I 10 ERRORI PIU’ COMUNI DA EVITARE

 

litigio

 

 

 

 

 

“Litigare è spiegare in modo complicatissimo e a voce alta cose semplici da dirsi sottovoce.”
(Erich Fromm)

Litigare è normale, per tutte le coppie. Che sia per uno screzio passeggero, per un’incomprensione o per stanchezza, tutti gli innamorati prima o poi discutono, anche se è da poco che sono insieme e il loro amore è ancora forte e appassionato. Quindi nessun timore: se vi scontrate non significa necessariamente che “qualcosa” non va nell’armonia di coppia né tanto meno che si è destinati a lasciarsi. Al contrario, significa che c’è passione e voglia di confrontarsi anche sulle diversità. Insomma, se si discute significa che “si tiene” l’uno all’altra.

Volendo fare una distinzione temporale delle diverse fasi di una relazione, per ogni di esse  esiste una ragione per litigare.

-Nei primi mesi dell’innamoramento, non nascono veri e propri litigi, ma piccoli screzi che generalmente passano in fretta.

– Quando poi si inizia a stare insieme da qualche tempo, si comincia a fare i conti con le abitudini, le preoccupazioni e i nervosismi quotidiani. Iniziano a venire fuori i difetti, i capricci, le fissazioni e i lati più difficili del carattere, che i partner non conoscevano ancora. Il litigio scatta dunque perché nessuno dei due vuole abituarsi a convivere con i difetti dell’altro. Allora si discute, alla ricerca di un compromesso che possa permettere alla coppia di continuare a stare insieme senza lasciare deluso nessuno dei due.

– Con la convivenza o il matrimonio, poi, inizia una nuova fase del rapporto e nascono nuove ragioni di scontro. La coppia si trasforma, magari anche per l’arrivo di un bambino, e diventa una famiglia. In una fase di cambiamento come questa i litigi sono del tutto naturali, ma sono anche preludio di un rapporto più importante e responsabile.

-Con gli anni, la coppia smette di litigare per gelosie o per incomprensioni. I partner si conoscono nel profondo e sanno bene l’affetto che li lega reciprocamente. In questa fase, lo scontro non è mai per ricevere conferme o per conquistare l’attenzione dell’altro, ma perché si è ormai talmente abituati a condividere tutto che si finisce per sfogare con l’altro anche le tensioni e i nervosismi quotidiani. Anche dopo tanti anni, però, il litigio continua a dimostrare che non si può fare a meno l’uno dell’altra e che c’è voglia di condividere ancora ogni emozione all’interno della propria storia d’amore.

Quindi anche se fisiologicamente il litigio è una parte integrante di uan relazione amorosa, le modalità con cui si litiga e il comportamento che si attua dopo un litigio diventa molto importante per la relazione. A grandi linee possiamo raggruppare 10 atteggiamenti che i partners  metteno in pratica dopo un litigio:

1. METTERE UN MURO: uno degli sbagli più frequenti è quello di respingere e dare le spalle dopo un litigio, senza avvisare l’altro di avere semplicemente un pò di tempo per scaricare la rabbia, la delusione o qualsiasi altra emozione che ha suscitato il litigio. L’altro percepisce il muro come una “fine” e al prossimo litigio sarà meno disposto a dirvi sinceramente ciò che pensa, da qui potrebbe svilupparsi un rapporto senza sincerità destinato a finire.

2 RINFACCIARE: Quando si litiga si cercano sempre le parole che possano ferire maggiormene l’altro. Se il tuo partner ti sta ferendo con delle parole che ti stanno irritando non trattenere l’emozione che stai provando per rinfacciare quelle parole il giorno dopo, ma fagli notare subito che sta dicendo delle frasi spiacevoli, perchè quello che si dice in un litigio rimane lì, se il momento passa è inutile riportalo fuori successivamente ma è meglio affrontarlo subito.

3. TROVARE SCUSE PER LITIGARE: se hai una giornata no, comunicalo chiaramente al tuo partner senza trovare pretesti per scaricare il tuo malumore sull’altro senza un valido motivo

4. CHIEDERE “SCUSA ” A VOLTE NON BASTA: se state litigando e l’altro ti chiede del tempo, un break dal litigio, a volte chiedere solo scusa non basta, ma argomentare il motivio per cui ti stai scusando è utile per far riflettere l’altro su cosa ti stai veramente dispiacendo.

5. FARE UNA PAUSA PER CAPIRE: spesso è utile smettere di litigare per capire meglio le questioni del litigio, quindi se il partner vuole riaprire la discussione dopo pochi giorni non voltategli le spalle ma cercate di andare con lui fino in fondo alla questione. Il tempo per stare con se stessi dopo un litigio, aiuta a comprendere meglio i motivi o i problemi sorti.

6.DIFENDERSI OFFENDENDO: punzecchiare l’altro con frasi non carine, non aiuta sicuramente a risolvere il problema, offendere sui punti deboli dell’altro non porta ad una buona conclusione della discussione ma solo ad un allontanamento più prolungato

7.SESSO RIPARATORE: non per forza dopo un litigio per rinconcilarsi bisogna fare l’amore, se non si è entrambi in sintonia su questo aspetto si rischia solo di far pensare all’altro di voler chiudere in fretta la questione per disinteresse. Aspettate i tempi dell’altro e vedrete che ritroverete ancora più sinergia.

8. NON E’ SEMPRE FONDAMENTALE IL COSA HA PROVACOTO IL LITIGIO:
E’ meglio spendere le proprie energie per trovare una soluzione. La differenza tra un litigio brutto e uno buono sta nel fatto che abbiate trovato o meno una soluzione.

9.”NON INTEDEVO QUESTO”: spesso questa frase crea più incompresione che risoluzione, perchè l’altro invece punterà ancora di più il dito sottolineando che invece era proprio quello che si voleva intendere. Da ciò inizierà un infinito tira e molla che non porta a nulla, quindi bloccare subito la frase prima che esca fuori dalla vostra bocca.

10.NON ABBATTERSI PERCHE’ SI STA LITIGANDO: litigare significa che vi state impegnado ad andare a fondo ai vostri problemi, bisogna solo capire le modalità buone con cui litigare.

Chi non litiga mai in una coppia, sta solo nascondendo emozioni e sentimenti fingendo che non esistano.I litigi hanno la funzione di mettere alla prova, di costruire e di migliorare un rapporto di coppia, senza di essi sarebbe un  rapporto sterili senza uno scopo.

fonti:

http://www.maldamore.it

https://www.wellme.it/psicologia

Precedente GLI ERRORI DELLE DONNE IN AMORE Successivo SIAMO TUTTI BUGIARDI: la bugia come pratica quotidiana

Lascia un commento